Installazione Choc alla Milano Fashion Week 2024: Un Drammatico Monito sul Cambiamento Climatico

Milano, febbraio 2024 – Nell’elegante cornice della Milano Fashion Week 2024, una scena quasi apocalittica cattura l’attenzione dei passanti in via Paolo Sarpi: un’auto irriconoscibile, martoriata da enormi chicchi di grandine, svela una provocazione tanto audace quanto necessaria.

L’installazione CLIMATE CHANGE DOESNT’EXIST, opera di Fondazione CESVI e Factanza Media, sfida apertamente il negazionismo climatico con un messaggio impossibile da ignorare: “Il cambiamento climatico non esiste” è la scritta che si staglia contro il caos, ma il contesto parla chiaro – “è già qui”.

La scelta di collocare questa installazione di impatto nel bel mezzo della settimana della moda non è casuale. È un richiamo alla responsabilità individuale e collettiva di fronte a un’emergenza che non risparmia nessuno, neanche le strade di una delle città più glamour d’Italia. La distruzione rappresentata dall’auto danneggiata è solo un piccolo assaggio di ciò che il cambiamento climatico riserva a scala globale.

L’anno passato, il 2023, ha segnato un record preoccupante, diventando l’anno più caldo mai registrato, con temperature medie superiori di 0,60° rispetto al periodo 1991-2000 e di 1,48° rispetto ai livelli preindustriali. Questo riscaldamento globale ha già manifestato i suoi effetti devastanti con una frequenza allarmante di eventi climatici estremi, provocando danni incalcolabili e perdite umane, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo.

CESVI e Factanza, con il sostegno di Mirror, attraverso questa installazione, vogliono porre l’accento sulla disparità che il cambiamento climatico aggrava: i Paesi più colpiti sono spesso quelli che meno hanno contribuito al riscaldamento globale. Il Pakistan, ad esempio, simbolo di questa ingiustizia climatica, continua a subire gli effetti devastanti di alluvioni senza precedenti, con milioni di persone costrette a lasciare le proprie case.

Questo atto di provocazione artistica invita a riflettere non solo sulla realtà inconfutabile del cambiamento climatico ma anche sull’urgenza di agire. Gloria Zavatta, Presidente di CESVI, sottolinea l’importanza di sfruttare momenti di grande visibilità come la Fashion Week per sensibilizzare su tematiche di vitale importanza, ribadendo che la sostenibilità deve essere al centro dell’agenda di ogni settore, inclusa la moda.

Bianca Arrighini, CEO e co-fondatrice di Factanza, ribadisce l’impegno della sua piattaforma nel promuovere una consapevolezza critica e azioni concrete contro la crisi climatica. L’installazione, visibile fino al 25 febbraio 2024 in via Paolo Sarpi all’altezza dei civici 19 e 21, non è solo un gesto simbolico ma un appello all’azione immediata, un monito a non girare lo sguardo di fronte alle evidenze e alle conseguenze del cambiamento climatico.

CLIMATE CHANGE DOESN'T EXIST - Milano Fashion Week 2024
CLIMATE CHANGE DOESN’T EXIST – Milano Fashion Week 2024

Info

Autore: MondoMilano.it

Ultimo Aggiornamento: 22 Febbraio 2024